Passeggiata in Val Codera sopra Novate Mezzola

Stai cercando un’escursione unica che ti faccia fare un tuffo nel passato? La passeggiata in Val Codera, con partenza da Novate Mezzola, è la scelta perfetta per te. Per questo trekking ci troviamo all’inzio della provincia di Sondrio.

Questa escursione non solo offre paesaggi mozzafiato, ma è anche facilmente raggiungibile in un’ora e mezza da Bergamo e Milano, passando per la SS36.

Dove Parcheggiare

Per la nostra passeggiata in Val Codera, imposta il navigatore su Novate Mezzola e segui via Lungo Codera dx. Da lì, troverai facilmente i cartelli che indicano la direzione per Val Codera.

Seguendo le indicazioni per Val Codera, al termine della strada troverai un parcheggio con una capienza di circa trenta auto. Tuttavia, poiché si riempie rapidamente, è consigliabile arrivare presto. Ad esempio, noi siamo arrivati alle 8:30 e il parcheggio era già completo. Se arrivi più tardi, inizia a cercare parcheggio lungo la strada.

Percorso verso Codera e difficoltà in salita

Se hai trovato parcheggio nella parte alta di Novate Mezzola, imbocca la scalinata per iniziare il tuo trekking verso la Val Codera. Se invece hai parcheggiato più in basso, dirigiti verso il parcheggio principale per cominciare da lì il tuo percorso.

Un consiglio pratico se devi fare rifornimento ti acqua è quello di riempire la borraccia qui alla partenza. Difatti lungo il percorso quando l’ho fatto io a Maggio 2024 non erano presenti fontanelle funzionanti.

Il percorso verso Codera parte subito forte e inizia a salire in maniera decisa, caratterizzato da gradoni che rendono la salita piuttosto impegnativa.

La fatica della salita è però ripagata dagli scorci che vedremo, infatti dopo poco cominceremo a vedere alla nostra destra il lago di Mezzola che ha un suo fascino.

Durante l’ascesa, potremmo incontrare vari cartelli che segnalano di fare attenzione. Tuttavia, a parte queste precauzioni, il percorso non presenta difficoltà tecniche significative.

La nostra salita prosegue ammirando il paesaggio e fermandoci a fare qualche foto.

Il sentiero a gradoni non ci abbandona per quasi un’ora e mezza e ci porterà in quota.

Dopo circa un’ora e mezza arriviamo in uno spiazzo con alla sinistra una chiesetta dove potremo riprendere fiato ammirando il paesaggio. Qui è presente una fontanella ma quando siamo passati noi non funzionava.

Dopo circa una quindicina di minuti saremo giunti a Avedée e ci troveremo di fronte a una vallata. Da qui dopo un leggero tratto in falso piano cominceremo a scendere. Vedremo sulla sinistra alcune “gallerie” e sono quelle che dovremo percorrere per arrivare in Val Codera.

La cosa che noteremo durante la salita è la presenza di moltissimi castagni alcuni davvero imponenti e caratteristici che caratterizzeranno anche i piatti che troveremo a Codera.

Ed eccoci arrivati, intravediamo il campanile di codera, finalmente dopo un’altra oretta di sali-scendi siamo arrivati.

Il paesino è davvero pittoresco e ci porta indietro nel passato. Sono presenti diversi mini-musei che si possono visitare che raccontano la storia di questo paesino incastonato tra le montagne.

Dove Mangiare

Per questa passeggiata non potete non fermarvi a mangiare al Ristorante Stella Alpina, il posto è davvero carino e si mangia molto bene, noi abbiamo provato i pizzoccheri della Valchiavenna e i ravioli con ripieno di castagna entrambi meritevoli di nota.

I dolci erano così deliziosi che mi sono lasciato trasportare e ho dimenticato di fotografarli.

Dati Tecnici

Partenza: Novate Mezzola, Lungo Codera DX (316mt)

Arrivo : Codera (980 mt)

Durata Completa giro: 5 h Circa

Distanza: 15.0 Km Circa andata e ritorno