Foto Paesaggi, quale obiettivo scegliere

La scelta migliore di un obiettivo per una di paesaggio è forse la più difficile tra i fotografi amatoriali e non solo. Infatti sia che noi vogliamo fotografare le bellezze della natura attraverso la “fotografia naturalistica” o una fotografia urbana di città d’arte e non la scelta del giusto obiettivo è fondamentale per il risultato finale.

Attraverso questo articolo voglio suggerirti una serie di obiettivi adatti alla fotografia di paesaggi che possono tornarti utili e che siano adatti a tutte le tasche. La scelta non cadrà unicamente su obiettivi grandangolari ma spazierà attraverso diverse soluzioni di obiettivi e marche.

Spesso si collega la fotografia di paesaggi con un obiettivo grandangolare. In realtà se vogliamo effettuare foto un pò più particolari ci dobbiamo spingere su obiettivi diversi per ottenere effetti particolari.

OBIETTIVI PER PAESAGGI GRANDANGOLARI

La nostra analisi parte dagli obiettivi tradizionali pensati per la fotografia paesaggistica, ovvero gli obiettivi grandangolari.

La caratteristica principale di un obiettivo grandangolare è di inquadrare un’area molto più ampia di quella che siamo in grado di percepire ad occhio nudo senza muovere gli occhi da un lato o l’altro della scena che abbiamo di fronte. Ne esistono di vari tipi fissi e a zoom.

Vi ho già  scritto un articolo dove parlo degli obiettivi grandangolari ad ottica fissa, penso che questi obiettivi siano i migliori per una fotografia di paesaggio grazie alla loro luminosità che permette di cogliere appieno i dettagli del paesaggio.

Io ho usato entrambe le soluzioni trovando quelle ad ottica fissa le migliori se abbiamo un budget che ci permette di acquistare più di un obiettivo, mentre se abbiamo un budget limitato ci dovremo accontentare di ottica a zoom che copra una più ampia focale. La cosa più importante rimane quella di prendere un prodotto di qualità, in quanto senza quella possiamo essere i migliori fotografi al mondo ma la foto rimarrebbe “piatta”.

Il mio cellulare è spiato

Oggi voglio parlarVi del rischio che il nostro cellulare sia spiato. Spesso possiamo avere il dubbio che il nostro cellulare è spiato senza però averne la prova. Il più delle volte sono nostre fissazioni, ma qualche volta può essere vero.

Ci sono sintomi?

A volte il nostro smartphone ci da qualche segnale che contenga un software spia, ecco alcuni esempi che potremmo riscontrare:

  • Batteria: uno dei sintomi che potrebbe fornirci qualche sospetto è il consumo anomalo della batteria. Infatti un software spia necessita di comunicare continuamente con la “base” e quindi il programma scarica la batteria molto più velocemente
  • Eccessivo consumo dati: un altro sintomo che potremmo riscontrare  l’eccessivo consumo di dati
  • Lentezza: se il nostro smartphone non è dei più nuovi potrebbe andare in crisi e potremmo trovare un’eccessiva lentezza
  • Strani Crash o sfarfallii: altro sintomo potrebbe essere la presenza di crash “anomali

Come individuare un software spia

La risposta è “dipende”, difatti se ci troviamo di fronte  a software professionali non sarà certo facile scovare l’intruso.

Possiamo però cominciare con il verificare le applicazioni attive e i programmi che hanno consumato più memoria con un task manager che ci mostri le applicazioni attive sul nostro device. 

Il pericolo di un Link ricevuto su Cellulare

Il nostro cellulare rappresenta per noi una risorsa, ma non lo è solo per noi ma anche per chi vuole rubarci i dati, ecco perchè oggi voglio parlarVi di quanto possa essere pericoloso un link ricevuto su Cellulare.

Al giorno d’oggi infatti siamo molto clic dipendenti e spesso non pensiamo a quanto un clic possa esser pericolo. Dietro a un semplice LINK potrebbe nascondersi infatti un cavallo di troia per entrare in possesso dei nostri dati.

Cosa può nascondere un Link?

Un link in sè è innocuo in quanto dovrebbe aprire una pagina web, tuttavia dietro di esso potrebbe esserci nascosta una minaccia come ad esempio un sito di appoggio che installerebbe in automatico un software spia sul nostro cellulare.

Come possiamo riconosce un Link Malevolo?

Non è semplice riconoscere un link malevolo, in quanto potrebbe essere mascherato dietro a un sito “attendibile”. Di sicuro è saggio dubitare di un Link ricevuto tramite Whatsapp sul nostro cellulare con messaggi troppo “automatici” che ci devono far dubitare. 

Cosa può fare un link?

Potremmo trovare il nostro cellulare controllato in tutto e per tutto, dalla videocamera e microfono a whatsapp. Quindi a fronte di questo rischio state molto attenti prima di aprire un sito ricevuto da messaggio.

Differenze da Apple ad Android?

Ad oggi è sicuramente più sicuro avere un cellulare Apple, ma in informatica la sicurezza assoluta non esiste. Di sicuro un cellulare Android è più facilmente bucabile trattandosi di un software con sorgente libero.

Nessuno è interessato ai miei dati

Questa è l’affermazione che fa ogni persona a cui dico: attento al tuo cellulare e ai tuoi dati. Questo perchè ognuno ha dei dati sensibili al giorno d’oggi sul proprio smartphone : foto, accesso banca, mail, profili social. 

Se ritieni di aver commesso un errore cliccando su un link spia, allora dovresti dare un’occhiata al tuo cellulare.

Migliori Zaini per Fotocamera Reflex

Oggi voglio parlarVi dei migliori zaini per la vostra fotocamera Reflex,  in quanto diventa indispensabile dotarsi di uno zaino per poter trasportare in sicurezza la vostra reflex.

In questo caso abbiamo due soluzioni di zaino: lo zaino per trasportare il kit completo e lo zaino da “viaggio” . 

Migliori Zaini per trasporto KIT Fotocamera Reflex Completo

Portare in giro la nostra attrezzatura fotografica richiede una grande attenzione in quanto il costo di obiettivi e fotocamera è importante e quindi anche la scelta dello zaino non può essere da meno. Serve infatti uno zaino che possa contenere fotocamera – obiettivi – flash e che sia ben imbottito per attutire eventuali urti e proteggere il nostro capitale.

Ecco una serie dei migliori zaini di dimensione medio grande.

Manfrotto MB PL-3N1-36 Zaino

 

La marca Manfrotto è sinonimo di qualità in campo fotografia per questo lo riteng tra i migliori zaini in commercio.

Il Manfrotto MB-PL-3N1-36 è uno zaino di  dimensione grande che permette di trasportare fino a 2 corpi macchina e 5 obiettivi grazie a i vari vani contenitore presenti. 

 

Come possiamo vedere dall’immagine sopra le imbottiture presenti che separano l’attrezzatura permettono di avere uno zaino ordinato e in piena sicurezza. Inoltre lo zaino dispone anche di una protezione antipioggia / antisole che non guasta mai in caso di contrattempi nei nostri shooting fotografici.

E’ uno zaino molto versatile in quanto può essere utilizzato come zaino, utilizzarlo come monospalla per evitare di appoggiare lo zaino sul terreno e con spallacci  incrociati.

Dimensioni Esterne: 35 x 28 x 49 cm

Obiettivi Max: 7

Reflex: 2 

Spazio per effetti personali: SI

 

 

Migliori Zaini per trasporto Fotocamera Reflex da Viaggio

Chi non vuole portare la propria attrezzatura in vacanza? Certo non possiamo portarci dietro tutti gli obiettivi e le fotocamere, ma in viaggio dobbiamo compattare il nostro KIT Fotografico. Per questo dobbiamo scegliere uno zaino da viaggio piccolo e facilmente trasportabile che in aereo risulti come la borsetta di una signora.

Zaino da Viaggio Case-Logic TBC-410

E’ stato il mio primo acquisto e non lo scambierei per nulla al mondo, leggero, comodo e resistente è la soluzione ideale sia per portalo in viaggio che per una gita fuori porta dove vogliamo scattare un pò di fotografie.

Grazie alla tracolla monospalla possiamo avere la macchina fotografica sempre a nostra disposizione e in caso di ambienti a rischio l’abbiamo sempre sotto mano.

Dispone di due vani uno inferiore dove possiamo mettere la fotocamera, il caricabatterie o un flash e di un vano superiore dove possiamo inserire un obiettivo, io son riuscito a farci stare un 50mm (che consiglio sempre di portare e un Tamron 70-200). Dispone infine di un piccolo porta oggetti anteriore dove possiamo comodamente inserire il cellulare, il portafoglio e i documenti.

Cosa volere in più da uno zaino per fotografi? Nulla. Per questo lo ritengo il miglior compagno di viaggio per un fotografo che vuole viaggiare leggero.

Dimensioni Esterne: 21.6 x 16 x 36.1 cm

Obiettivi Max: 1

Reflex con Obiettivo: 1

Spazio per effetti personali: SI

 

 

 

Come Facebook Usa l’intelligenza Artificiale

Prima di parlare di come Facebook utilizza l’intelligenza artificiale è necessario capire cos’è e quali vantaggi ci può portare l’utilizzo della IA nelle nostre campagne pubblicitarie.

Cos’è l’intelligenza artificiale?

Possiamo dire che l’intelligenza artificiale è l’abilità di una macchina di ragionare come se fosse un essere umano ovvero risolvere problemi e prendere iniziative senza la necessità di un consenso umano.

Perchè è utile per le nostre campagne?

L’IA permette di eseguire calcoli e analisi senza il bisogno di un essere umano che compia le analisi e soprattutto è in grado di apprendere in modo continuo.

Come facebook applica l’intelligenza artificiale

Facebook attraverso il “Catalogo Automatico” sfrutta l’intelligenza artificiale per mostrare ai potenziali clienti quello che vogliono vedere. Infatti attraverso complesse analisi riesce a incrociare i dati nel nostro profilo con quelli del nostro comportamento ed “immaginare” quello che ci può interessare.

Ipotizziamo ad esempio di avere 10 articoli nel nostro catalogo e quello più interessante si trova in quarta posizione. Senza l’IA il rischio che il nostro prodotto non venga visto è molto alto. Ma grazie all’IA il cliente troverà in prima posizione l’articolo potenzialmente desiderato aumentando la probabilità di CLICK e quindi di acquisto.

Conclusioni

L’IA sicuramente rappresenta il futuro della pubblicità in quanto permette tempi di reazioni più rapidi. Certo il fattore umano rimarrà sempre importante, in quanto nessuna IA riuscirà a comprendere il nostro mercato. Per questo è importante affidarsi a un Digital Manager esperto e che faccia un’attenta analisi del nostro mercato per sfruttare al meglio l’IA.

 

Facebook e la pubblicità

Facebook rappresenta uno dei due player che si giocano la grande fetta del mercato ONLINE della Pubblicità insieme a Google ADS.

Spesso quando ci registriamo su Facebook pensiamo che sia gratis, ma in realtà noi stiamo pagando il nostro “canone”  attraverso la pubblicità e in un certo senso la nostra privacy.

Infatti tutti i servizi offerti sono ampiamente ripagati attraverso la pubblicità che ci viene proposta durante la nostra navigazione.

La domanda che ora ci dobbiamo porre è se possiamo sfruttare  a nostro vantaggio questo sistema per fare pubblicità e marketing. La risposta come sempre è DIPENDE, ovvero dipende da cosa vogliamo fare.

Come funziona la pubblicità su Facebook

Facebook attraverso i dati del nostro profilo, la nostra geolocalizzazione, le pagine che ci piacciono, i commenti, ecc. riesce a creare un profilo molto veritiero di quello che noi rappresentiamo per gli inserzionisti pubblicitari.

Infatti conoscendo tutti questi dati è possibile andare a fare una pubblicità mirata e targettizzare a dovere il cliente. 

La geolocalizzazione

Attraverso la geolocalizzazione è possibile scegliere il pubblico in un intorno specifico e far si che venga raggiunto il bersaglio, ovvero la persona interessata alla nostra pubblicità.

Attraverso la geolocalizzazione  di solito promuoviamo il nostro punto vendita, questa è in genere una pubblicità molto massiva che serve per farmi conoscere ma che spara comunque abbastanza ne mucchio.

Targhettizzare

Lo step successivo è quello di andare a targhettizzare il mio pubblico cercando gli interessi e i dati di navigazione che mi fanno capire quali sono le necessità del potenziale cliente. A chi non è mai capitato dopo aver cercato un articolo su internet di ritrovarselo su Facebook o Instagram.

Carosello da Catalogo

E’ la soluzione più innovativa che sfrutta l’intelligenza artificiale per mostrare tra gli articoli nel nostro catalogo quelli che più si avvicinano ai gusti del potenziale cliente. 

PC Industriale con Parallela

PC Industriale per Macchinari

Quante volte siamo andati in crisi nel momento in cui il nostro PC industriale ci ha abbandonato? Spesso infatti il nostro PC industriale dopo anni di onorato servizio ci abbandona e ci troviamo nella condizione di doverlo sostituire.

In questo momento ci accorgiamo che la nostra macchina sia essa una piegatrice, un tornio o simili senza questo PC non funzionano e quindi ci troviamo di fronte alla necessità di porvi rimedio.

Il primo contatto è sicuramente quello di contattare la ditta che lo ha prodotto ma spesso se si tratta di un macchinario “anziano” può capitare che la produceva è fallita o che non sia in grado di offrirci una soluzione.

Passi per la sostituzione del PC Industriale

In questo caso la soluzione è seguire questi passaggi per procedere alla sostituzione in autonomia.

Analisi del software, ovvero:

  • Verificare se abbiamo ancora i CD di installazione del programma, in alternativa dovremo provare a clonarlo.
  • Verificare se è installata una chiave hardware
  • Studiare il programma e capire i programmi che vengono lanciati

Test di funzionamento

Il passo successivo è eseguire un test di funzionamento per capire se riusciamo a farlo funzionare su un altro PC.

Per fare ciò possiamo in primis creare una macchina virtuale con il sistema operativo del PC industriale che vogliamo testare e in seconda battuta sarebbe opportuno provarlo su un PC VERO, magari anche un vecchio PC per verificare che tutto funzioni correttamente.

Acquistare il PC Industriale

Se siamo arrivati fino a questo punto vuol dire che siamo riusciti a far funzionare il software su un nuovo PC. Ora dobbiamo scegliere un PC Industriale da collegare alla nostra macchina che risponda ai nostri requisiti.

Una soluzione molto valida che ho trovato è la seguente:

PC Industriale 15”

Processore: Celeron J1900

RAM: da 8 a 64GB

Porte I/O: 6 porte RS232 + HDMI + VGA + LAN + 4 USB2.0 + LPT + DC + Audio In &Out 

Dimensioni:  355.8 x 287.3 x 62.6(mm)

 

 

 

Perchè scegliere questo PC? Perchè è dotato di tutte le porte necessarie per dialogare con i nostri macchinari.

Porte Seriali e Parallele PC Industriale

Installare il software sul PC

A questo punto non ci resta che replicare il software sul PC acquistato e siamo operativi con il nuovo PC Industriale. Certo magari dovremo fare una piastra per adattarla nel vano esistente però saremo di nuovo operativi.

Nel caso volessi supporto per configurare il tuo PC industriale scrivici a info@notitia.it e ti forniremo supporto.

Consigli utili 

Mi è spesso capitato di intervenire in situazioni di emergenza su PC industriali, ebbene agire in questo caso non è mai la soluzione ideale in quanto operando in emergenza ci potremmo trovare nella condizione di dover recuperare dati da un HD corrotto, Per questo vi consiglio di fare il CLONE dei vostri PC industriali in maniera tale di avere un Backup del vostro PC disponibile in caso di guasto. Certo la soluzione migliore sarebbe quella di avere un PC pronto all’uso ma è chiedere troppo. Però se il vostro PC comincia a dare segni di cedimento vi consiglio di intervenire subito ed ordinare il PC per tempo al fine di ridurre al minimo o eliminare del tutto il fermo macchina.