5 Consigli per tutelare la privacy sui nostri dispositivi

Spesso non ci rendiamo conto di come tutelare la nostra privacy sui nostri dispositivi connessi a internet non sia così semplice. Spesso infatti sono i nostri device il cavallo di Troia per rubare i nostri dati sensibili e le nostre informazioni personali. Per questo motivo voglio darvi qualche suggerimento su come tutelare la privacy dei nostri dati.

Ecco quindi 5 Consigli per tutelare la privacy sui nostri dispositivi.

La password di accesso

Ve l’ho già detto tante volte in vari articoli, le password se ci sono è per proteggerci. Tuttavia mi capita di vedere, soprattutto in ambito lavorativo, la password del PC scritta su un post-it attaccato al monitor violando palesemente le disposizioni del GDPR e probabilmente anche il regolamento aziendale. Questa è la cosa più sbagliata perchè chiunque potrebbe accedere al nostro PC e mandare mail a nostro nome arrecandoci un danno enorme. Se leggendo il primo consiglio vi sentite parte in causa, ecco un articolo che fa al caso vostro e che vi aiuterà a capire come creare e gestire una  password “complicata” tramite Keepass.

La navigazione sul web

Spesso sottovalutiamo quanto navigare sul web lasci traccia, possiamo considerare appunto la nostra navigazione come una nave che lascia una scia. Ebbene questa scia serve sia ai motori di ricerca che ai malintenzionati per raccogliere informazioni su di noi. Infatti la scia di cui vi parlavo prima sono i cookie che raccolgono moltissime informazioni dei nostri comportamenti e dei siti visitati. Per evitare che i motori di ricerca, piuttosto che dei malintenzionati utilizzino queste informazioni è importante pianificare una pulizia della cache del nostro Browser con una cadenza almeno mensile. Dopo questa operazione la nostra navigazione sarà quasi come se fosse in “incognito”, ovviamente non per molto visto che il browser ricomincerà a raccogliere nuovamente dati.

I wifi pubblici

Forse non ci abbiamo mai pensato ma accedere a un wifi pubblico può essere un vero rischio per la sicurezza dei nostri dati. Infatti l’accesso a questi hot-spot non è controllato/controllabile e ciò comporta che a tali reti potrebbero esserci collegati malintenzionati che potrebbero rubarci i nostri dati sensibili quali le password. Per questo motivo è sconsigliato accedere a wifi pubblici per evitare perdita di dati che potrebbe arrecarci grossi danni.

Se proprio non ne possiamo fare a meno, quando ci colleghiamo vi consiglio di evitare di utilizzare app che accedono a banca o dove fare acquisti.

Cosa potrebbe succedere se lo faccio? Nella migliore delle ipotesi il malintenzionato potrebbe dare una curiosata al nostro disco e leggere tutte le informazioni che vi risiedono. Nella peggiore delle ipotesi, potrebbe leggere le nostre password sensibili e farne un uso fraudolento.

Utilizzo delle chiavette

Le chiavette USB di sconosciuti e amici non andrebbero mai utilizzate. Infatti la chiavetta è il modo più semplice per inserire un software spia su un PC o anche solo infettarlo con un malware. Basta infatti creare una chiavetta con eseguibile automatico per installare il software malevolo sul nostro PC. Nella migliore delle ipotesi tale software spia solo i nostri dati, nella peggiore potrebbe essere un virus/malware che ci impesta il PC e che potrebbe arrecare gravi danni al nostro PC.

Link “strano”

Ultima cosa su cui prestare molta attenzione sono i “link strani” ad esempio ricevuti via mail o anche inviati tramite sistemi di messaggistica come Whatsapp. Infatti dietro a un banale link potrebbe nascondersi un software malevolo volto a rubare i nostri dati. A volte questi link sono subdoli e vi rimandano anche a una pagina di vostro interesse ma tra il clic e il sito spesso c’è in mezzo l’installazione di un software malevolo.

Considerazioni sulla sicurezza

La sicurezza con un supporto informatico non esiste, pertanto anche la migliore fortezza non è inespugnabile, pertanto dobbiamo prestare sempre molta attenzione ai siti che visitiamo e a tutte le operazioni che facciamo. Prima di cliccare su un link o collegarci a un WIFI ad esempio dovremmo sempre chiederci, serve? sono sicuro di non correre rischi?

Ovviamente i miei sono consigli e di certo non vi tengono al sicuro al 100% ma almeno con un uso più consapevole potreste correre meno rischi di quanti ne avete corsi fino ad ora.

Related posts